Federazione Russa > Unione Europea - Russia  

Relazioni Unione Europea - Russia

La partnership con la Russia è di fondamentale importanza per l'Unione Europea. Sul piano geopolitico e della sicurezza , infatti, la Russia rimane uno dei principali attori a livello globale e un alleato indispensabile nella lotta al terrorismo e alle attività illegali transfrontaliere. Inoltre, le forniture energetiche russe rappresentano il 25% del consumo europeo di petrolio e il 25% del consumo di gas naturale: in un'ottica di sicurezza energetica è necessario rafforzare le relazioni bilaterali. L'integrazione e l'apertura dell'economia russa al mercato globale offre enormi opportunità ai produttori europei di beni e servizi, che attualmente sono i maggiori investitori esteri nell'area. L'obiettivo dell'UE è la creazione di un'area di libero scambio con la Russia, e per questo sostiene l'entrata del Paese nel World Trade Organization. Il 50% delle esportazioni russe sono destinate ai paesi europei e la Federazione russa è il quarto partner commerciale per l'UE. La Russia offre elevato know-how tecnologico, forza lavoro qualificata ed elevata attrattività per gli investimenti.

Il Partnership and Cooperation Agreement , entrato in vigore nel dicembre 1997 e con validità decennale, costituisce la base dei rapporti bilaterali. Le previsioni del PCA coprono numerose aree di cooperazione, tra cui economia, settore bancario, commercio, energia, tecnologia. Nel 2004 l'accordo di partenariato e cooperazione è stato esteso ai nuovi paesi membri dell'UE. E' in fase di elaborazione un nuovo accordo che sostituisca il PCA UE-RUssia, tenendo in considerazione le evoluzioni socio-politiche degli ultimi anni.

Durante il summit di San Pietroburgo (2003) sono stati definiti quattro spazi comuni di cooperazione; i successivi summit di Mosca e Londra (2005) hanno prodotto delle Road Maps sugli obiettivi specifici di breve-medio periodo.

  • Spazio economico comune: dialogo su commercio, eliminazione delle barriere commerciali, competitività, investimenti, regolamentazione della competizione e del mercato del lavoro, riforma del sistema bancario e finanziario, telecomunicazioni, energia, ambiente, trasporti, attività spaziale;
  • Spazio comune di libertà, sicurezza e giustizia;
  • Spazio comune di sicurezza esterna;
  • Spazio comune di ricerca, educazione cultura.

 

Programmi di cooperazione UE - Russia

^ top

Attualmente l'Unione Europea è impegnata in diversi programmi di cooperazione:

 

Programma TACIS : è uno strumento essenziale di assistenza tecnica, nato nel 1991 per favorire la transizione verso un'economia di mercato e consolidare la democrazia e lo Stato di diritto nei nuovi stati indipendenti sorti dal collasso dell'Unione Sovietica. Per la Federazione Russa il termine Tacis è stato sostituito da EU-Russia cooperation programme .

Oltre 2.6 milioni di euro sono già stati spesi in 58 regioni russe per 1500 progetti volti a:

  • sostenere le riforme istituzionali, legali ed amministrative;
  • fornire assistenza allo sviluppo economico e ai privati;
  • attenuare le conseguenze sociali della transizione;
  • potenziare le reti infrastrutturali;
  • promuovere la tutela ambientale, la gestione delle risorse naturali e lo sviluppo dell'economia rurale.

Il programma di cooperazione è integrato nel quadro di riferimento del PCA; tutta l'assistenza tecnica alla controparte russa è data in forma di sussidi e non di prestiti. Le attività sono definite nel Country Strategy Paper secondo le priorità individuate dall'UE e dalla Russia. Alla luce di questo documento, la Commissione Europea ed il governo russo determinano le risorse finanziarie ed elaborano il National Indicative Programme (NIP), al cui interno sono previsti alcuni programmi specifici annuali detti Action Programmes. Quando i progetti possono essere implementati si svolgono delle gare d'appalto per selezionare dei contractors. I progetti possono essere nazionali, transfrontalieri o regionali; ci sono inoltre alcune iniziative che riguardano la sicurezza nucleare.

Attraverso il supporto tecnico e finanziario, l'UE ha favorito un processo di riforma economica necessario alla crescita progressiva della Federazione Russa.

Per ulteriori approfondimenti:

^ top

New Neighbourhood Instrument: è uno strumento di cooperazione transfrontaliera e regionale creato dalla Commissione Europea come parte della strategia Wider Europe (2003).
Gli obiettivi prioritari sono :

  • promuovere sviluppo economico e sociale sostenibile nelle aree di confine;
  • collaborare nelle sfide comuni riguardanti ambiente, salute pubblica, prevenzione e lotta della criminalità organizzata;
  • garantire la sicurezza dei confini;
  • promuovere iniziative locali "people-to-people".

Nel periodo 2004-2006 sono stati implementati alcuni Neighbourhood Programmes (NP), sviluppati da come nuovi programmi o sviluppati da pre-esistenti programmi INTERREG. Sei regioni russe beneficiano di questi programmi:

Per ulteriori approfondimenti:

^ top