12/11/2009
A settembre diminuzione nel surplus del commercio estero
Secondo i dati della Banca centrale russa, il surplus nel commercio estero di beni del Paese è sceso a settembre del 28,9% a/a a 11,58 miliardi di dollari, dopo un calo del 37% a/a registrato ad agosto.
 
Si tratta del quarto mese consecutivo di flessione. In termini mensili, il surplus commerciale ha segnato un aumento dello 0,8%. Le esportazioni beni a settembre hanno totalizzato 29,16 miliardi di dollari, con un calo del 34% a/a, mentre le importazioni sono scese del 36% a/a a 17,58 miliardi di dollari. Le esportazioni verso Paesi non CSI sono diminuite del 34% a/a a 24,79 miliardi di dollari, mentre quelle dirette a Paesi CSI hanno registrato un -28% a/a, attestandosi a 4,4 miliardi di dollari. Le importazioni da Paesi non CSI sono calate del 35% a/a fermandosi a 15,39 miliardi di dollari, mentre quelle da Paesi CSI hanno visto una flessione del 44% a 2,19 miliardi di dollari. Il surplus del commercio estero russo ammontava nel terzo trimestre 2009 a 24,56 miliardi di dollari, la metà rispetto allo stesso periodo del 2008. Secondo un rapporto del Ministero dell’economia, nei primi nove mesi del 2009 il surplus del commercio estero è sceso complessivamente del 51,7% a/a a 74,9 miliardi di dollari. Stando alle stime del Ministero, le esportazioni di gennaio-settembre sono diminuite del 37,8% e le importazioni , totalizzando rispettivamente 206,3 e 131,5 miliardi di dollari.
Fonte: Intellinews - Elab.Informest